Marracash

Rivincita

Imprimir canciónEnviar corrección de la canciónEnviar canción nuevafacebooktwitterwhatsapp


Dai Del andiamo
Giusy
Marracash
È il mio film
Questo qui è il mio film

Questo qui è il mio film
Esco in 3D, fresco come quando fai un picnic
Scendo da un GT, fumo 2 G
Poi mi viene easy come l'abc
Marra resta in strada, con la sua squadra
Se fossi un prete ora sarei il papa
Toglimi la grana, posso rifarla
Finché la voce e la mia testa attaccata
Non odiare me, odia lo specchio
Odia te stesso, il tempo che hai perso
Porta rispetto, chiedi rispetto
Lotta per te, dimentica il resto
Scegli tu il prezzo, tieni su il mento
E pensa a durare come quando sei a letto
Meglio fare l'elemosina che massaggiare Lele Mora
Meglio povero che Povia, o no, fra?

Ogni radio, ogni club, ogni set
Ogni volta che sali sul palco a fare il rap
È una rivincita di città in città
La tua rivincita di città in città

Ogni gioia, ogni sbaglio, ogni test
Ogni cosa che ho avuto l'ho guadagnata da me
È una rivincita di città in città
La mia rivincita di città in città

Odio gli ordini, e odio i Police
E pure Sting perché stava nei Police
Odio i figli di, chi c'ha i soldi
Le nostre cicatrici contro i vostri lifting
Ho una guida sprint, e uno street imprinting
Collo a V e Gucci jeans stinti
Non sei abbastanza folle
E non ti accolli i rischi
Se non sei pronto a mordere
È inutile che ringhi, hai una volontà
Piega il destino e devia il cammino
E premia ti ammiro, ma nella realtà questo non basta
E spesso chi ha il cash in tasca ti ha in tasca
Uomo di panza, uomo di sostanza
Gli fanno una lastra e quanta sostanza
È ironico che l'abbia fatto perché non mangia
La musica è mio padre e la strada è mia mamma

Ogni radio, ogni club, ogni set
Ogni volta che sali sul palco a fare il rap
È una rivincita di città in città
La tua rivincita di città in città

Ogni gioia, ogni sbaglio, ogni test
Ogni cosa che ho avuto l'ho guadagnata da me
È una rivincita di città in città
La mia rivincita di città in città

Nato ai bordi di periferia
Dove il treno ormai non passa più
Dove l'aria è popolare ed è più facile sognare
Che guardare in faccia la realtà, la realtà è che
Quanta gente giovane va via a cercare più di quel che ha
Forse perché i pugni presi sono più di quelli resi
(È dura da accettare la realtà) ed ora che anch'io scavalcato il filo spinato
Predestinato a un prefabbricato
A una moglie grassa, un figlio grasso e uno stipendio magro
Oggi ho una pelliccia e un quadro di Pellizza il Quarto Stato
E ora mi guardo le spalle e ma non mi guardo indietro
Se mi parlate alle spalle, io non gli do più peso
Ogni live, ogni play nel tuo HI-FI, esco come il genio
Baby, esprimi un desiderio

Ogni radio, ogni club, ogni set
Ogni volta che sali sul palco a fare il rap
È una rivincita di città in città
La tua rivincita di città in città

Ogni gioia, ogni sbaglio, ogni test
Ogni cosa che ho avuto l'ho guadagnata da me
È una rivincita di città in città
La mia rivincita di città in città

Non smettere di seguire i tuoi sogni fra
Io sto vivendo il mio
Se vuoi odiare ciao, fai pure "ah"
Se vuoi odiare ciao, fai pure "ah"
Se vuoi odiare ciao, fai pure "ah"
Se vuoi odiare ciao, fai pure
Fai pure
Ciao, ciao

Non ci sono, lasciate un messaggio
Ciao amore, come stai?
Ho saputo che stasera suoni al Capogiro a Bergamo
Se vuoi passo, dai, un bacio, ciao

Oh, Fabio, che fai? Ti ho chiamato un po' di volte ma non m'hai risposto
Ma, ci vediamo questa sera ché non ho un cazzo da fare
Se sei libero mi farebbe molto piacere vederti
Dai, tanto lo sai il mio numero, chiamami, ciao

Eh, Fabio, ho lasciato le mutandine da te
Senti, il tipo mi spacca il culo
Richiamami appena puoi, ciao

Allô?
Mon chéri, pourquoi tu n'm'appelles plus?
J't'en prie
Tu peux m'appeler?
Allez, j'attends
Ben, bisou, salut

Ehi, che fine hai fatto?
Sei uno stronzo

Ehi, baby, sono a Milano, eh, call me

Ciao, tesoro, come va?
Avevi detto che mi chiamavi e non l'hai fatto
Sono stata benissimo stanotte
Richiamami


Autor(es): . Giusy Ferreri