Vita Quotidiana Di Uno Spettro

Imprimir canciónEnviar corrección de la canciónEnviar canción nuevafacebooktwitterwhatsapp

C'è un cigolio di mobili e di tarli
e come un senso dell'eternità
in un castello con torrette e merli
ch'erano nuovi nell'antichità
E un po' di sano menefreghismo
è quasi una necessità
anche in assenza di metabolismo
per chi abita nell'aldilà

Peggio per me
meglio per te
sono presente con la mia assenza
ma se non sai perchè
peggio per te e meglio assai per me

E penso a te che pensi a me
pensandomi al passato
tu che respiri e non lo sai
che sono nel tuo fiato
e non capisci che non è
il tuo ma il mio sorriso
che nello specchio accende te
e se davvero tu non sai che c'è
peggio per te e meglio assai per me

E sono qui sul pelo dello stagno
che luccico di ambiguità
e sto mell'acqua eppure non mi bagno
perchè succede non si sa

e ribadisco che il menefreghismo
non è piacere ma necessità
in questo tempo di perfezionismo
è scegliere la libertà

Peggio per me
meglio per te
c'è una mancanza per ogni stanza
ma se non sai di chi è
peggio per te e meglio assai per me

E penso a te che non lo sai
o non lo vuoi sapere
e se mi vedi come mai
tu non lo fai vedere
se gioco ad essere con te
la cipria sul tuo viso
e ti coloro un po' di me
e se davvero tu non sai perchè
peggio per te e meglio assai per me


Autor(es): Angelo Branduardi / Giorgio Faletti

Las canciones más vistas de

Angelo Branduardi en Noviembre