Marina Barone

Caldarrosta


Imprimir canciónEnviar corrección de la canciónEnviar canción nuevafacebooktwitterwhatsapp


Quand'ero una bambina mi domandavo sempre
chi erano quelle donne che come caldarroste,
bruciavano le sere ai bordi della strada
muovendosi leggere nell'aria profumata;
coi tacchi si portavano ad un passo dalle stelle,
alcune poi cantavano ed erano pi?belle
a tutti rispondevano e truccavano una lacrima sul viso,
le bocche lucide sembravano finestre affacciate sui fal?

Io sono cresciuta e ti rivedo ancora,
ma non riesco a darmi una risposta,
perch?ti vendi come carta straccia
non puoi bruciare sempre caldarrosta.

Cos?lontana, ma cos?vicino,
cos?indifesa come un burattino,
tanto diversa ma cos?banale
vestita come fosse sempre carnevale.

Magari la mattina ti perdi tra la gente,
per te magari vivere ?non pensare a niente;
ci sono tante cose che tu potresti fare
invece di sorridere a chi vuol farti male;
coi tacchi si portavano ad un passo dalle stelle
alcune poi cantavano ed erano pi?belle
a tutti rispondevano e truccavano una lacrima sul viso;
le bocche lucide sembravano finestre affacciate sui fal?

E ti rassegni e dici che ?il destino
che a stare l?tu non l'hai fatto apposta,
che fu per colpa del tuo primo uomo
ma puoi cambiare ancora caldarrosta.

Cos?lontana, ma cos?vicino
cos?indifesa come un burattino,
tanto diversa ma cos?banale
vestita come fosse sempre carnevale.

Canciones más vistas de

Marina Barone en Junio