Cara Città

Imprimir canciónEnviar corrección de la canciónEnviar canción nuevafacebooktwitterwhatsapp

Se una mattina ti svegli ed hai basso il morale
se stenti un poco a partire, ho la ricetta per te
E' una ricetta che il vento gelato d'inverno
si porta sui tetti e scivola sopra balconi di neve
E passa furtiva nel cielo di gelo
tra il bianco dei greggi e lungo le rive tra pesci e balocchi
E serve pure a curare le malattie di grandezza
a quelli che aprono la bocca e gli danno del fiato, così tanto per fare
Quann' nun saje addo' sbattere 'a capa toja
pecchè 'sta massa 'e fetienti tregua nun dà
quann' te vonno fa' fesso a tutt'e manere
ca' faccia ingenua 'e chi stess' pe' te salva'
Un buon frullato di poesia di Andrade e di Garçia
servirà molto all'anemia di umiltà nel sangue tuo
Potrai guarire presto e bene, con il Neruda in ignezione
endovenose di Machado a giorni alterni e Prevert, una goccia nel te
Dovrai bere a più riprese un infuso Pavese
dieci gocce di Montale, fà un po' male se di più
E solo dopo pochi mesi, guarda il mondo e se ancora non va
bevi pure un fiasco di discorsi, velenosi

Las canciones más vistas de

Don Backy en Octubre