Dopo il liceo che potevo far

Imprimir canciónEnviar corrección de la canciónEnviar canción nuevafacebooktwitterwhatsapp

Dopo il liceo che potevo far
non c'era che l'Università
ma poi il seguito è una vergogna....
son fuori corso qui in facoltà
e me lo voglio dimenticar
e bevo, bevo come una spugna.

Son sempre ubriaco son sempre fatto
e arrivo a sera che son distrutto
così a furia di questo sballo
non so più quando non so più come
mi son scordato il mio vero nome
ma qui nel giro mi chiamano
Spugna, eccomi qua!...

Faccio il pirata ma non mi va
e tengo pure una certa età
son tutto buchi come una spugna
del movimento mi importa poco
faccio buon viso a cattivo gioco
e bevo, bevo senza ritegno....

Quel Peter Pan non mi ha fatto niente
però deve essere un gran fetente
perché lo dice il mio comandante
mi fa una rabbia il fatto che vola
pur non essendo mai andato a scuola
mentre io ci provo ma poi
mi ritrovo a testa in giù!....

Lo so che non valgo molto
son livido, son sconvolto
c'è poco da scherzare....
Ma voglio volare anch'io
volare a modo mio
il prezzo è assai alto
ma ci riuscirò!

.... E ora ho trovato la giusta via
sono qualcuno in pirateria
e questo ormai è il mio destino....
e se qualcuno mi vuol fermare
sono disposto anche a sparare
sono devoto a Capitan Uncino....

Ai suoi discorsi son sempre presente
ma non so bene cosa abbia in mente
e non mi faccio più troppe domande
e non m'importa dov'è il potere
finche continua a darmi da bere
non lo tradisce e fino all'inferno
lo seguirò... non lo tradisce e fino
all'inferno lo seguirò!...


Autor(es): Edoardo Bennato

Las canciones más vistas de

Edoardo Bennato en Septiembre