Marina Barone

Il Cane


Imprimir canciónEnviar corrección de la canciónEnviar canción nuevafacebooktwitterwhatsapp


E' legato ?qui davanti,
lui mi guarda e mi trapassa
con quegli occhi suoi di cane;
come frusta i suoi lamenti,
son nascosti dalla pioggia, dai rumori della gente.

E' legato ha due catene
una al collo e l'altra al cuore,
come tagliano pian piano
mentre il pelo ?gi?inzuppato,
quanto amore per quell'uomo.

E lui lo guarda con quegli occhi,
con quegli occhi suoi di cane;
?felice, ha il suo padrone che lo picchia,
ma ?il suo padrone.
Piove ancora e lui avr?freddo,
quasi ?buio e ho freddo anch'io;
quella ciotola laccata sembra un mare che straripa,
mi straripano i pensieri ma non voglio andare via.

Forse ?solo ed ha paura, sembra in pena ma per chi
?ome un cieco sta aspettando
chi accompagni il suo destino,
cane vecchio e malandato
ma con gli occhi da bambino.

E' legato ha due catene
una al collo e l'altra al cuore,
come tagliano pian piano
mentre il pelo ?gi?inzuppato,
quanto amore per quell'uomo.

E lui lo guarda con quegli occhi,
con quegli occhi suoi di cane;
?felice ha il suo padrone che lo picchia,
ma ?il suo padrone.
Piove ancora e lui avr?freddo,
quasi ?buio ed ho freddo anch'io;
quella ciotola laccata sembra un mare che straripa,
mi straripano i pensieri ma non voglio andare via.

Canciones más vistas de

Marina Barone en Enero