I Ribelli Delle Montagna

Imprimir canciónEnviar corrección de la canciónEnviar canción nuevafacebooktwitterwhatsapp

(sono partigiano, perciò odio chi non parteggia
Odio gli indifferenti. antonio gramsci, scritti giovanili
Sono e non che abbiano un grido di battaglia atos)

Dalle belle città date al nemico
Fuggiammo via su per le aride montagne
Cercando libertà tra rupe a rupe
Contro la schiavitù del suol tradito

Lasciammo case, scuole ed officine
Mutammo in caserme le vecchie cascine
Armammo le mani di bombe e mitraglia
Temprammo cuori e muscoli in battaglia


Siamo i ribelli della montagna
Viviam di stenti e di patimenti
Ma quella fede che ci accompagna
Sarà la legge dell'avvenir

Siamo i ribelli della montagna
Viviam di stenti e di patimenti
Ma quella legge che ci accompagna
Sarà la fede dell'avvenir


La giustizia è la nostra disciplina
Libertà è l'idea che ci avvicina
Rosso sangue è il color della bandiera
Partigiani dalla folta ardente schiera

Sulle strade dal nemico assediate
Lasciammo talvolta le carni straziate
Sentimmo l'ardore per la grande riscossa
Sentimmo l'amor per patria nostra


Siamo i ribelli della montagna
Viviam di stenti e di patimenti
Ma quella fede che ci accompagna
Sarà la legge dell'avvenir

Siamo i ribelli della montagna
Viviam di stenti e di patimenti
Ma quella legge che ci accompagna
Sarà la fede dell'avvenir

Siamo i ribelli della montagna
Viviam di stenti e di patimenti
Ma quella fede che ci accompagna
Sarà la legge dell'avvenir

Siamo i ribelli della montagna
Viviam di stenti e di patimenti
Ma quella legge che ci accompagna
Sarà la fede dell'avvenir

Siamo i ribelli della montagna
Viviam di stenti e di patimenti
Ma quella fede che ci accompagna
Sarà la legge dell'avvenir


(io raccomando a voi che siete studenti
Quando raggiungete un posto di responsabilitànella società
Fate in modo di lavorare per la pace)

Canciones más vistas de