Ultimo

Poesia Per Roma

Print songSend correction to the songSend new songfacebooktwitterwhatsapp

So' dieci giorni che sto fori
Dici "sorridi" e dentro muori
A me m'hanno stancato tutti
Donne, auto e amici a volte
Eppure de te io nun me stanco
A volte penso ar Tevere e poi canto

Anche se Roma non è solo centro
Per me sei bella come un dubbio spento
Come un rifugio per un ladro
Sei bella come l'angelo e il peccato
Te pare poco?
Dì, te pare poco essere immortale?
Quando te spegni e via er tramonto, che bellezza che rimane
Sei bella pure senza mare

Lì giù ai Parioli sono belli i ragazzetti
Ma pe' me nun battono du occhi sopravvissuti a 'sti parcheggi
Ché Roma è Colosseo ma nun è solo quello
Roma è 'sta panchina rotta che dà sogni a quer pischello
Roma è 'na finestra aperta piena de mollette e panni
È un bimbo cor pallone che è partito da San Giovanni
Mi padre me portava le domeniche allo stadio
E ancora tengo con gran cura la prima sciarpa nell'armadio

"Roma capoccia der monno 'nfame"
Il primo saggio da bambino, la cantai col cuore
Non è San Pietro, ma 'sta chiesa che sta a pezzi
La vera Roma sta nei vicoli, che te turista non apprezzi
È 'na battaglia persa co' politici corotti
Però ne parli e dopo ridi, perché a Roma te ne fotti

È un pranzo a casa mia co' l'amici de 'na vita
Quelli che perdono a tressette e se la pijano co' la sfiga
Voi sta tranquillo, senza troppe cianfrusaglie
Te casca er mondo sulle spalle, e trovi forza dentro a un "daje"

So' dieci giorni che sto fori e come me manchi
Domani torno e prima cosa vado a pijà du guanti
Perché per scrivere de te ce vo' rispetto
Grazie pe' esse' rimasta accesa quando nun c'avevo un letto


Writer/s: Niccolo Moriconi